To top
19 Nov

Cuori spezzati

not for fashion victim enrica alessi
         
A volte le cose vanno storte, è così e basta. Sprecare tempo con mille domande non le farà cambiare: quando Luca ha lasciato quel cappotto in clinica, ha lasciato anche me. E non so dire se a ferirmi tanto sia la consapevolezza che la sua ex non sia solo ‘una ex’ — come il mio sesto senso suggeriva — o se, piuttosto, la cognizione che non abbia avuto il coraggio di guardarmi negli occhi per dirmi che è finita. Dura scegliere. È stato un miserabile, un meschino, un codardo. Il mio istinto di sopravvivenza vorrebbe riderci sopra: oltre al danno la beffa, ma dopo aver trascorso un intero sabato a piangere, a imprecare, a ripetermi che sono una stupida...
Continue reading
17 Nov

Desperate Housewives – e non è la serie TV con Eva Longoria

storie di ordinaria follia
 
I o lo so che là fuori, da qualche parte, ci sono donne come me. So di non essere la sola a spulciare i volantini di tutti i supermercati della città, alla ricerca di offerte imperdibili. Ebbene sì, lo ammetto: sono decisamente una casalinga disperata. Il mio negozio preferito si chiama Aury, vende detersivi e articoli per la casa. Tutte le volte che varco l’ingresso, vengo investita da un profumo di pulito irresistibile e subito dopo, vengo rapita dalle offerte: quando trovo i miei detersivi preferiti a prezzi vantaggiosi, dentro di me parte un tifo esagerato, come se avessi vinto i mondiali di calcio. Ogni volta che annuncio in tono solenne che devo fare rifornimento, Furio cerca di depistarmi:...
Continue reading
14 Nov

Via col Vento – e non è il film con Vivien Leigh

enrica alessi storie di ordinaria follia
 
A lla parola trasloco, le donne impallidiscono. Non è un caso che questa fobia sfiori solo di striscio il genere maschile — il cui trasloco assomiglia a quello dei film americani: uno scatolone, due al massimo ed è tutto finito — le donne, invece, sono per natura delle accumulatrici seriali e compulsive e disfarsi del loro ‘corredo’ è sempre un dramma. Ciò che pensavo non mi avrebbe mai riguardato da vicino, mi ha colpito in pieno: ho lasciato Chiozza, la mia Tara, mi sono trasferita. Ma siccome sono sopravvissuta, la necessità di raccontare mi impone di condividere la mia esperienza personale. Se gli amici si vedessero nel momento del bisogno, non esisterebbero le ditte di traslochi. La mia si chiama Varini:...
Continue reading
12 Nov

Una serata da dimenticare

not for fashion victim enrica alessi
   
E in un attimo, la disperazione per la presunta fine della mia storia d’amore si dissolve, scompare. Perché Cassandra è in ospedale? Perché Cristina ha riattaccato senza lasciarmi il tempo di chiederglielo? La richiamo, non risponde. Le mani mi tremano. Frugo nella borsa per cercare le chiavi della macchina, ma la frenesia con cui tento di recuperarle non aiuta. I nervi cedono, scoppio a piangere. Porto le dita alla bocca tentando di smorzare i singhiozzi, riprendo fiato e freno le lacrime che ora non ho il tempo di versare. Cassandra ha bisogno di me. Al secondo tentativo, le chiavi collaborano. Mi precipito verso la macchina in punta di piedi, le luci di casa sono spente, Giulio starà dormendo e non voglio...
Continue reading
5 Nov

The Social Network…e non è il film con Andrew Garfield

enrica alessi storie di ordinaria follia
         
A vederlo da fuori sembra un tempio buddista. Sarà per la struttura imponente, per i balconi dipinti di rosso, per la grande insegna blu che mi dà il benvenuto, ma francamente non so dire perché mi trovo qui. E non so nemmeno chi siano le persone sedute accanto me, a questo tavolo rettangolare circondato da sgabelli con lo schienale di colore azzurro, su cui è impressa una scritta arancio a lettere maiuscole: HACK. Il brusio delle voci, carico di eccitazione, non solo mi contagia, ma mi fa pensare che stia succedendo qualcosa di grosso. Se non fosse per il quadro pieno di fiori che ho di fronte, che trasmette un senso di pace, forse sarei già fuggita. Realizzo di aver...
Continue reading
1 Nov

La morte di fa bella…e non è il film con Meryl Streep

storie di ordinaria follia
 
L e mie amiche mi chiedono spesso perché sia così appassionata di makeup e skincare, e non è facile spiegarlo in due righe. Questa passione è nata quando ero bambina, quando ho iniziato a capire il grande potere del makeup. Guardavo mia mamma truccarsi in bagno,  prima di uscire per andare al lavoro, ed ero incuriosita dai colori che, fino ad allora, avevo utilizzato solo per disegnare personaggi dei cartoni animati, ed ero affascinata dalle sfumature che creavano sulla palpebra, sul viso, sulle guace e sulle labbra. Notavo che la sua espressione cambiava, che i colori si amalgamavano all'incarnato, in un gioco di luci e ombre che mi lasciava esterrefatta. È stato allora che ho capito che quei colori...
Continue reading
29 Ott

Chi è Roberta?

  
“P uoi portarmi a casa?” Una frase del genere dovrebbe insospettirlo, allarmarlo, o quanto meno costringerlo a farsi domande, e invece, la sua aria serena e soddisfatta mi fa capire che nessuna di queste ipotesi lo interessa. Continua a guidare, regola il volume della radio, canticchia. Non sospetta nulla, non immagina quanto sia furiosa, quanto mi senta tradita. Mi dà per scontata, questa è la verità, anzi peggio: mi crede una stupida ingenua a cui tacere una relazione precedente, durata tre anni. Frasi fatte? Gli uomini sono tutti uguali? O forse sono io che non cambio mai e continuo a scegliere quelli sbagliati? È una scena già vista: mi sono fatta prendere in giro di nuovo. “Tutto bene? mi chiede. “Sei taciturna...
Continue reading